La fiducia dei clienti passa dalla sostenibilità

Iniziamo subito traendo un esempio dalla nostra esperienza quotidiana di consumatori: immaginiamo due ristoranti di pari qualità e prezzo, ma in uno di questi riscontriamo un’attenzione maggiore verso di noi, magari con un assaggio di benvenuto gratuito e il titolare che passa tra i tavoli per sapere se abbiamo gradito le pietanze.

Quale dei due sceglieremmo? Si, la risposta è banale.

Ma allora come mai qualcosa di così ovvio non lo è altrettanto quando un’azienda pensa ai suoi potenziali clienti? Lo abbiamo visto con il ristorante, non basta solo avere un buon rapporto qualità/prezzo. Un concorrente può dare qualcosa che va oltre all’aspetto materiale, può far percepire alle persone che pensa a loro non solo come target da raggiungere.

Oggi, fortunatamente, le grandi aziende lo hanno compreso e hanno messo alla pari dei loro interessi la sostenibilità verso i loro stakeholders principali: clienti, fornitori, comunità, ambiente.

Le parole di Marina Capriotti, da giugno presidente esecutivo del gruppo Esselunga, sono illuminanti e profetiche:

“Siamo sempre più consapevoli che se le aziende non faranno della sostenibilità uno dei punti cardine della loro strategia difficilmente potranno prosperare nel lungo periodo: sono i consumatori stessi — sempre più sensibili ai temi sociali e ambientali — che ce lo chiedono.”

Ogni parola di questa dichiarazione è preziosa, ma soffermiamoci sull’affermazione finale “[…] sono i consumatori stessi che ce lo chiedono”, perché è il perno sul quale come agenzia concentriamo il nostro processo creativo.

Da oltre 10 anni proponiamo alle aziende di cercare i loro tratti più autentici e inserirli nella comunicazione mettendo al centro le persone.
Consigliamo di essere come il ristorante di cui sopra, di dimostrare sinceramente di essere attenti alle persone, al territorio, all’ambiente in cui si opera e naturalmente comunicarlo nel modo adeguato: così facendo si conquisteranno la fiducia e la gratitudine dei potenziali clienti e si potrà “prosperare nel lungo periodo”.

La fiducia dei clienti passa dalla sostenibilità